Galeotto fu Giotto, navigazione veloce.
menu orizzontale testata | colonna di navigazione di sinistra | contenuto principale | colonna di navigazione di destra | piè di pagina

colonna sinistra

contenuto principale

L'Usura

Particolare degli Usurai al lato di Lucifero

Si considera usura la pratica consistente nel fornire prestiti a tassi di interesse considerati illegali, tali da rendere il loro rimborso molto difficile o impossibile.
Per tali ragioni l'usura viene condannata moralmente e sanzionata penalmente.
Frequentemente gli usurai ( detti comunemente strozzini ) svolgono altre attività illegali, come il riciclaggio di denaro guadagnato illecitamente o atti di violenza per piegare la volontà delle loro vittime.

Se esaminiamo il significato letterale del termine, il nostro dizionario riferisce: “ frutto dell'uso del denaro, interesse oneroso, illecito, che si esige dal denaro o dalle cose date in prestito.”
Nel Medioevo la chiesa proibiva la riscossione di interessi, ma già nel IV secolo l'usura veniva definita “un peccato diabolico”.
Nel Concilio del 1215, l'usuraio non pentito viene privato dei sacramenti della sepoltura.
Dante parla degli Usurai e condanna anche il padre di Enrico Scrovegni, noto usuraio del tempo.
Per l'intercessione e la salvezza della sua anima a
Giotto furono commissionati i famosi affreschi della cappella chiamata appunto degli Scrovegni .

Nell'era moderna, con l'entrata in vigore del Codice Penale Rocco, ( 1° luglio 1931), si distinguono 2 tipi di usure:

  • quelli di stampo artigianale (piccoli prestiti ad impiegati, operai, piccoli artigiani)
  • quelli praticati da grosse organizzazioni criminali che passano dall'usura all'estorsione al fine di impossessarsi dell'impresa.

Le nostre cronache purtroppo riportano in continuazione casi di estorsione e usura che provocano la distruzione economica e psicologica delle vittime e spesso anche la loro morte violenta per mano degli strozzini e degli estorsori.


colonna destra