Galeotto fu Giotto, navigazione veloce.
menu orizzontale testata | colonna di navigazione di sinistra | contenuto principale | colonna di navigazione di destra | piè di pagina

colonna sinistra

contenuto principale

Incontro di Gioacchino e Anna alla Porta Aurea

Dal vangelo dello Pseudo Matteo (3,5):
Gioacchino segue il consiglio dell'angelo e torna dalla moglie: il loro incontro è tenerissimo: mani, occhi, nasi e bocche si confondono quasi a penetrare il volto dell'uno verso l'altra.
Il racconto si trova nel Vangelo dello Pseudo Matteo, uno dei vangeli apocrifi, dove è scritto: "Gioacchino e i suoi pastori camminarono per trenta giorni. Ed ecco, mentre si avvicinavano un angelo del Signore apparve ad Anna e le disse: ' Va alla porta Aurea, va incontro a Gioacchino, perché oggi ritornerà da te ". Ella si portò in fretta con le sue amiche alla Porta Aurea e aspettò, aspettò a lungo; finchè, alzando lo sguardo, vide Gioacchino che tornava con il suo gregge. Correndogli incontro, gli gettò le braccia al collo, ringraziando il Signore e dicendo: 'Ero vedova, ora non lo sono più!'. E ci fu grande gioia in tutti gli amici e parenti, tanto che tutta Israele si rallegrò di tale avvenimento".

Anna e Gioacchino si abbracciano e si baciano teneramente sulla bocca


colonna destra